Biologia

Classificazione e sistematica degli insetti: gli Ordini

Annuncio Pubblicitario

Nell’articolo precedente abbiamo visto la classificazione degli insetti dal phylum alla classe.
Questo articolo può essere visto quindi, come la naturale continuazione di quello citato.
Prima di proseguire con la lettura, se non l’hai già fatto ti consigliamo di leggere Classificazione e sistematica degli insetti: dal phylum alla classe.
La classe degli insetti ha un grande numero di ordini dovuti alla grandissima biodiversità di questo gruppo.
Per non dilungarci troppo ci limiteremo agli ordini di insetti più conosciuti, saltandone alcuni come: Collembola, Protura, Diplura, Thysanura e Thysanoptera.
Questo articolo si limiterà a dare alcune informazioni di base per permettervi di capire la loro distinzione.

I diversi ordini degli insetti

Ordine Ephemeroptera

Gruppo che contiene circa 2.200 specie, caratterizzate da quattro ali membranose di cui le anteriori sono molto più grandi delle posteriori.
In stato larvale sono organismi acquatici, ma dopo circa un anno salgono in superficie dove fanno la muta e diventano insetto perfetto.
Gli adulti generalmente si accoppiano, depongono e muoiono.
Sono conosciute generalmente come effimere.

Ordine Odonata

le cosiddette libellule, con circa 5.000 specie.
Hanno forma snella e allungata fino a 8 cm di lunghezza con due paia di ali subeguali membranose.
Forma larvale acquatica predatrice.
Vengono generalmente distinti in anisotteri (ali non ripiegabili sul dorso) e zigotteri (ali ripiegabili sul dorso).

Ordine Orthoptera

Circa 30.000 specie con ali anteriori sclerificate, dove si ripiegano al di sotto le ali posteriori che possono essere molto piccole o assenti.
Generalmente erbivori o onnivori, suddivisi in sottordini ben conosciuti: Blattoidea (le blatte), Mantoidea (mantidi), Fasmoidea (insetti stecco), Grilloidea (grilli), Ortopteroidea (cavallette).

Ordine Isoptera

Circa 2.000 specie di termiti.
Sono insetti sociali organizzati in complesse società organizzate in diversi tipi di individui.
Possiamo distinguere operai e soldati di entrambi i sessi, regina (unica femmina fertile) e re (unico maschio fertile).

Ordine Dermaptera

Circa 1.000 specie di insetti in prevalenza vegetariani.
Hanno corpo snello e depresso con addome che possiedono appendici a forma di pinza.
Comunemente conosciuti come “forbicine”.

Ordine Mallophaga

Gruppo con circa 3.000 ectoparassiti (parassiti esterni) di uccelli e mammiferi, comunemente conosciuti come pidocchi.
Si nutrono di frammenti di peli, penne o cute.
Fissano le uova ai peli o alle penne dell’ospite.

Ordine Anoplura

circa 500 specie di ectoparassiti ematofagi (si nutrono di sangue).
Hanno adattamenti che gli permettono questo tipo di nutrizione. Anche questi conosciuti come pidocchi.
Attaccano le uova ai peli e vivono l’intera vita sull’ospite.

Ordine Hemiptera

Circa 35.000 specie di insetti di cui fanno parte anche le cimici.
La caratteristica principale è la presenza di ali posteriori accompagnate da ali anteriori per metà coriacee e metà membranose.
Sono pungitori succhianti, parassiti di piante e animali.

Ordine Homoptera

Circa 33.000 specie di cui le più conosciute sono afidi, cicindelidi, cicadidi e cocciniglie.
Hanno essenzialmente ali anteriori e posteriori simili tra loro disposte a tetto sull’addome quando a riposo. In genere parassiti di piante.

Ordine Neuroptera

Circa 5.000 specie d’insetti dal corpo sottile e ali subeguali, capo piccolo con lunghe antenne filiformi e grandi occhi composti.
Da adulti sono simili agli odonati.

Insetto del genere Mecynorrhina. Ordine Coleoptera. Foto di Gianmarco Virzì-

Ordine Coleoptera

Con circa 300.000 specie è il più grande Ordine del regno animale.
Hanno dimensioni variabili tra 1 mm e 12 cm, con ali anteriori trasformate in spesse e coriacee elitre ed ali posteriori membranose, che quando sono a riposo sono ripiegate sotto le elitre.

Ordine Trichoptera

Circa 6.000 specie dotate di apparato lambente e succhiante.
Hanno ali membranose “pelose” a tetto sull’addome quando sono a riposo.

Ordine Lepidoptera

Circa 150.000 specie di insetti con corpo snello e grandi occhi composti.
Caratterizzati dalle ali membranose ricoperte da squame embricate (parzialmente sovrapposte).
Nelle larve l’apparato boccale è masticatore mentre nelle forme più avanzate è succhiante (spiritromba).
Fanno metamorfosi, passando dallo stato di pupa protetta in bozzolo sericeo.

Ordine degli insetti. Parnassius apollo, lepidoptera.
Fotografia di Parnassius apollo dell’ordine Lepidoptera (farfalle). Foto di Gianmarco Virzì.

Ordine Diptera

Circa 150.000 specie di insetti dotati di un paio di ali perché le posteriori sono ridotte a bilanceri.
L’apparato boccale è generalmente pungitore-succhiatore o lambitore succhiatore.
In quest’ordine fanno parte mosche e zanzare.

Ordine Siphonaptera

Circa 1.700 specie dotate di apparato boccale pungitore-succhiatore.
Adulti ematofagi (si nutrono di sangue) e generalmente parassiti temporanei (con qualche eccezione). Spesso vettori di gravi malattie, ad esempio la peste bubbonica.
Le pulci fanno parte di quest’ordine.

Ordine Himenoptera

Circa 125.000 specie dotate di apparato boccale masticatore o a volte lambente, con ali simili e membranose a volte mancanti.
Alcuni sono dotati di pungiglione con ghiandole velenifere.
Da adulti sono predatori o fitofagi con larve spesso parassite di altri insetti o di vegetali.
Molti hanno vita sociale. Questo gruppo contiene anche formiche, api e vespe.

Conclusioni

In questo articolo ci siamo fatti un’idea dei diversi ordini di insetti e dell’incredibile diversità presente all’interno di questa classe.
Lo scopo di questo articolo non è trattare in maniera approfondita ogni singolo ordine, per cui sarebbero richieste numerose conoscenze di livello universitario.
Speriamo in ogni caso che sia riuscito nello scopo di fornire alcune informazioni interessanti sull’argomento.
Se ti interessano altri articoli di questo tipo visita la nostra sezione di biologia.
Non dimenticare inoltre di visitare i nostri social: Facebook ed Instagram.

Annuncio Pubblicitario

Gianmarco Virzì

Web designer, programmatore laureato presso la facoltà di Scienze Naturali dell’università di Bologna, ha attualmente molteplici passioni come: i viaggi, la storia, la cultura (apprezza particolarmente quella giapponese), le arti marziali, il fitness, la cucina, la musica (suona la batteria), la fotografia e l’informatica. Ama la natura e tutto ciò ad essa collegata e da questo nasce la sua linea di pensiero, che può essere riassunta con una citazione di S. Agostino: “il mondo è un libro e quelli che non viaggiano ne leggono solo una pagina” Il suo sogno è di intraprendere la carriera da divulgatore scientifico e di contribuire alla conservazione degli ecosistemi ed alla gestione del territorio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button