AltroNewsStoria&Archeologia

Tokyo 2020: curiosità sulle olimpiadi

Annuncio Pubblicitario

Il 23 luglio del 2021 iniziano ufficialmente a Tokyo le olimpiadi e dureranno fino all’8 agosto. Le olimpiadi sono una manifestazione sportiva internazionale che si celebra ogni 4 anni. Scopriamo la storia e le curiosità su quest’importante evento.

La storia dei giochi olimpici

Le olimpiadi sono conosciute anche come Giochi Olimpici e si svolsero per la prima volta nella città di Olimpia, in Grecia nel 776 a.C.
Agli albori l’evento consisteva in una manifestazione locale che prevedeva una gara di corsa. Con il tempo si aggiunsero altre discipline e i Giochi arrivarono a comprendere anche il pugilato, la lotta e il pentathlon (gara articolata su cinque prove consecutive in sport differenti).
Da quel momento l’evento sportivo acquistò fama in tutta la Grecia antica raggiungendo l’apice nel V secolo a.C. dove le discipline sportive all’interno della manifestazione arrivarono ad essere venti.

In passato le olimpiadi non avevano solo una valenza ludica e sportiva in senso stretto. Queste avevano anche una grande importanza religiosa. Infatti, si svolgevano in onore del dio Zeus, del quale si trovava una statua proprio ad Olimpia.

La celebrazione avveniva con un intervallo di 4 anni e al tempo durava 5 giorni. Durante queste giornate gli elleni erano soliti osservare la “tregua olimpica”. In questo periodo infatti era prevista la cessazione di tutte le inimicizie e contese. Al contrario di quanto si è detto in passato, la tregua non prevedeva l’interruzione delle guerre, anzi esse continuavano ma senza ostacolare i giochi.

Per quanto riguarda gli atleti, potevano partecipare solamente membri facoltosi della società in quanto erano necessari lunghi periodi di allenamento per sostenere le prove. Inoltre, erano esclusi gli schiavi, i barbari (cioè coloro che non erano cittadini greci), gli assassini, i sacrileghi e le donne.

I giochi persero la loro valenza con l’aumento del potere dei romani in Grecia e con l’avvento del cristianesimo. Vennero bandite definitivamente dall’imperatore Teodosio nel 393 d.C.

Le olimpiadi moderne

La rinascita delle olimpiadi in forma moderna la si deve soprattutto al barone francese Pierre Decoubertin, il quale si rese conto che i suoi connazionali avevano bisogno di una formazione fisica più adeguata. Pertanto, decise di conciliare questa necessità con il confronto internazionale sportivo piuttosto che bellico.
Così il 23 luglio del 1894, durante il primo congresso olimpico della storia venne deciso di restaurare i giochi olimpici con frequenza quadriennale. Le prime olimpiadi moderne furono tenute simbolicamente ad Atene nel 1896. Da allora le olimpiadi vengono organizzate ogni volta in un diverso paese ospitante.

Le Olimpiadi. De Coubertin e il logo.
Foto di Pierre De Coubertin e dei cinque anelli rappresentativi delle Olimpiadi. Fonte i.ytimg.com

Valori, simboli e cerimonie per le olimpiadi

Le olimpiadi moderne si basano su alcuni valori espressi da De Coubertin, che il 24 luglio 1908 ricordò una massima del vescovo Ethelbert Talbot:

“L’importante nella vita non è solo vincere, ma aver dato il massimo. Vincere senza combattere non è vincere

Il motto olimpico ufficiale è invece: Citius, Altius, Fortius – Communiter che significa “Più veloce, più in alto, più forte – insieme”.

I cinque anelli intrecciati della bandiera olimpica (adottata nel 1920) sono il simbolo ufficiale olimpico. Essi sono di diverso colore, intrecciati su uno sfondo bianco. Rappresentano i 5 continenti: Oceania, Asia, Africa, Europa ed America. L’intreccio rappresenta l’universalità dello spirito olimpico. I colori utilizzati blu, giallo, nero, verde, rosso, insieme al bianco di sfondo, sono i colori presenti in ogni bandiera dei paesi che partecipavano alle olimpiadi nel momento in cui furono scelti.

L’inizio e la fine dei giochi olimpici vengono scanditi dalle rispettive cerimonie ma soprattutto dall’accensione e dallo spegnimento della fiamma olimpica. Quest’ultima viene accesa proprio ad Olimpia qualche mese prima dell’evento ufficiale. Viene poi portata dai “tedofori”, cioè i portatori della fiaccola, fino al luogo della cerimonia di apertura. Qui servirà ad alimentare il braciere olimpico fino al suo spegnimento nella cerimonia di chiusura.

Le olimpiadi. Attrici sacerdotesse.
Attrici sacerdotesse accendono la fiamma olimpica durante la cerimonia a Olimpia. Fonte: fisr.it

Curiosità

-Dal 1992 il comitato olimpico con l’appoggio dell’ONU, chiede alla comunità internazionale di rispettare la tregua olimpica.

-Il termine olimpiade al contrario di quello che comunemente si pensa, designa il periodo che intercorre tra un evento olimpico ed un altro. Con gli anni si è sempre più usato il termine al plurale “olimpiadi” per designare il periodo dei giochi.

-La fiamma olimpica viene accesa ogni quattro anni ad Olimpia. In antichità per i greci il fuoco aveva una connotazione divina e per questo era presente in molti santuari. Durante i giochi olimpici veniva acceso un fuoco in onore di Zeus sia nel suo tempio che in quello della moglie Era. Oggi la fiamma olimpica viene accesa nel luogo in cui un tempo sorgeva il tempio di Era ad Olimpia.

-La tregua olimpica non ferma purtroppo le guerre, infatti le olimpiadi del 1916, 1940 e 1944 furono annullate a causa della Prima e Seconda guerra mondiale.

-Le olimpiadi sono spesso luogo di eventi dove è protagonista la politica: propagande, boicottaggi o eventi terroristici come quello che accadde a Monaco di Baviera nel 1972.

-Il 23 marzo 2020 a causa della pandemia di COVID-19 le olimpiadi di Tokyo sono state rinviate al 2021. Per la prima volta i giochi olimpici estivi si disputano in un anno dispari.

Tokyo 2020

L’edizione dei giochi olimpici di Tokyo 2020 è davvero singolare, non solo perché a causa della pandemia di COVID-19 è stata rinviata al 2021, ma anche perché è stato aggiornato il motto olimpico. Viene aggiunta la parola “communiter” alla fine del già celebre “citius, altius, fortius”. Questa decisione è stata presa del comitato olimpico proprio per ribadire la forza che c’è nell’unità e nell’universalità dei giochi. La fiamma olimpica di questa edizione dei giochi ha una particolarità: è la prima volta che viene alimentata ad idrogeno. La cerimonia di accensione ad Olimpia si è svolta il 12 marzo 2020 senza la partecipazione del pubblico. Inoltre, gran parte delle gare si disputeranno a porte chiuse sempre a causa della pandemia non ancora del tutto scongiurata.

Questa edizione dei giochi comprende 33 sport, per un totale di 55 discipline divise in 339 eventi.

Seguici e supportaci

Se ti interessano argomenti simili consulta la sezione Storia.

Non dimenticare infine di visitare i nostri social: Facebook ed Instagram.

Annuncio Pubblicitario

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button