BiologiaFitness&Benessere

Cosa sono i lipidi?

grassi-animali-e-vegetali-750x400
Cibi contenenti lipidi. Fonte: blog.edoapp.it

Descrizione

I lipidi (conosciuti anche come grassi) sono uno dei macronutrienti necessari per il nostro corpo e sono molto diffusi in natura.
Questi, sono idrocarburi insolubili in acqua a causa dei loro numerosi legami covalenti apolari.

Questo significa che forniscono un importante apporto energetico, tuttavia sono difficili da scomporre e quindi richiedono molto più ossigeno per essere utilizzati.

Questi si trovano in numerosi cibi di origine sia vegetale che animale sotto forma di oli e grassi.

Ma qual’è esattamente la differenza tra questi due?
Entrambi sono trigliceridi, tuttavia la differenza tra loro sta nella temperatura richiesta al cambio di stato.
Infatti gli oli sono sostanze liquide già a temperatura ambiente (circa 20°C) mentre i grassi alla medesima temperatura sono dei solidi.

300px-fosfolipide-svg
I fosfolipidi fanno parte della membrana cellulare e regolano il passaggio delle sostanze tra l’interno e l’esterno della cellula. Fonte immagine: 3.bp.blogspot.com

Tra questo tipo di sostanze ne possiamo distinguere diverse, ognuna che svolge diversi compiti.

I grassi e gli oli rappresentano delle ottime riserve di energia.

I fosfolipidi invece svolgono un compito strutturale primario nella membrana cellulare.

I carotenoidi e le clorofille servono alle piante per catturare l’energia luminosa.

Gli steroidi e gli acidi grassi modificati svolgono ruoli di regolazione, come nel caso di ormoni e vitamine.

Il grasso corporeo degli animali oltretutto è un isolante termico che permette loro di mantenere la temperatura corporea stabile anche in condizioni di freddo estremo.

Un rivestimento lipidico intorno alle fibre nervose svolge funzione di isolante elettrico.

Gli oli e le cere sulle superfici della pelle, della pelliccia, delle penne e delle foglie hanno funzione idrorepellente e impediscono un evaporazione eccessiva dell’acqua.

A questo punto è d’obbligo spiegare cosa sono i trigliceridi.
Queste sostanze sono composte da acidi grassi e glicerolo, proprio grazie a questo tipo di composizione si rivelano aggregati molto compatti.
Per questo motivo i trigliceridi animali hanno una temperatura di fusione alta.I trigliceridi vegetali hanno una composizione formata da grassi insaturi, motivo per cui hanno una temperatura di fusione sensibilmente più bassa.

La suddivisione dei lipidi

Tra i lipidi si possono distinguere lipidi semplici, lipidi complessi e lipidi modificati.

I lipidi semplici sono presenti in alta percentuale nel nostro corpo e nella nostra alimentazione, svolgendo un ruolo di riserva energetica.
Tra questi fanno parte i trigliceridi precedentemente descritti e le cere.

I lipidi complessi sono invece sostanze formate anche da altri elementi chimici (acido fosforico, zuccheri, amminoalcol) e svolgono funzioni particolari all’interno del nostro corpo.
Tra questi ci sono i fosfolipidi, glicolipidi e lipoproteine.

Tra i lipidi modificati (anche questi precedentemente analizzati) fanno parte: steroidi, vitamine, colesterolo ecc..

Esiste anche una precisa divisione dei lipidi in base alla loro composizione.

  • Acidi grassi insaturi: sono composti da uno o più doppi legami tra carbonio ed idrogeno.
    Questi hanno una temperatura di fusione bassa e sono principalmente grassi di origine vegetale.
  • Acidi grassi saturi: sono composti privi di doppi legami.
    Questi hanno una temperatura di fusione alta e sono principalemente grassi di origine animale (anche se è possibile trovarli in alcuni oli vegetali, come l’olio di palma).
  • Acidi grassi monoinsaturi: grassi che grazie alla loro composizione vengono facilmente utilizzati dal nostro organismo e “sostituiscono” il colesterolo presente nel sangue.
    Si trovano in alimenti come la frutta secca, l’olio di oliva o in alcuni tipi di pesce.
  • Acidi grassi polinsaturi: anche questi vengono considerati grassi buoni, tra questi fanno parte l’omega-3, l’omega-6 e gli omega-9.
    Presenti nel pesce, noci, ed alcuni estratti vegetali.
  • Acidi grassi essenziali: questi sono lipidi che devono essere introdotti attraverso la dieta e sono fondamentali per garantire all’organismo un buon livello di salute.
    Tra questi ci sono proprio gli omega-3 e gli omega-6.
  • Acidi grassi idrogenati: grassi dannosi per il nostro organismo.
    Si formano idrogenando i grassi di origine vegetale (insaturi).
    Questi sono più facili da conservare ed hanno un costo minore nell’industria alimentare, uno di questi prodotti formati da grassi idrogenati è la margarina.

L’alimentazione

avocado-on-a-wooden-table
L’avocado è un ottima fonte di grassi considerati buoni. Fonte: authoritynutrition.com

Come abbiamo visto i lipidi in quanto macronutrienti sono fondamentali per mantenere un livello di salute ottimale nel nostro corpo.
Essi dovrebbero far parte della nostra alimentazione in una percentuale che va dal 20% al 25% del nostro apporto di macronutrienti giornaliero.

Abbiamo visto però come ci siano diversi tipi di grassi e come alcuni siano da ridurre se non da evitare completamente (come nel caso dei grassi idrogenati).
I lipidi forniscono all’in circa 9kcal per grammo (quasi il doppio degli altri macronutrienti).

Nella nostra dieta dovrebbero essere presenti sottoforma di frutta secca (che può rivelarsi un ottimo spuntino pomeridiano se consumato nelle giuste dosi), pesce ed alcuni tipi di verdura.
L’avocado è un frutto che si rivela un ottima fonte di omega-3 e il suo inserimento in un regime alimentare può essere un ottima scelta, viste le sue numerose qualità nutritive.

*I consigli alimentari forniti in questo articolo non provengono da un medico, tuttavia ognuno è libero di poter verificare la veridicità delle informazioni fornite.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button