La sonda Rosetta porta a compimento la sua missione.

Pubblicato su 30 Settembre 2016 | Da Gianmarco Virzì | Astronomia, News, Tecnologia
La sonda Rosetta in rotta di collisione con il meteorite. Fonte: Esa.

La sonda Rosetta in rotta di collisione con il meteorite. Fonte: Esa.

La sonda Rosetta dell’agenzia spaziale europea raggiunge la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, spegnendosi e completando la sua missione.
Ovviamente, poco prima di toccare il suolo la sonda ha scattato delle fotografie da distanza ravvicinata, che sono state subito dopo inviate sulla terra per i dovuti studi.

Foto scattata dalla sonda Rosetta durante la sua caduta libera. Fonte: Esa.

Foto scattata dalla sonda Rosetta durante la sua caduta libera. Fonte: Esa.

Queste immagini saranno materiale importante per analizzare i componenti che formano la suddetta cometa per poi risalire alle origini del Sistema Solare e delle molecole biologiche.
Oltre alle informazioni accennate, altri numerosi dati sono stati raccolti su gas e polveri vicini al suolo.

Nonostante qualche piccola variazione durante lo svolgimento, la missione è stata completata con successo.
Come accade in ogni manovra, c’è stata solo qualche piccola variazione, che ha portato la sonda Rosetta ad atterrare 90 secondi prima del previsto e a 44 metri di distanza dal punto individuato“.

Le immagini sono state scattate ed inviate a soli 9km di distanza dalla cometa, questo sarebbe un record, in quanto mai fino ad ora sono state scattate foto da una distanza così ridotta.
Queste foto sono state prontamente analizzate dai tecnici presso il centro di controllo dell’Esa di Dramstadt, in Germania.

L’impatto è avvenuto alle 13.20 delle ore italiane e come previsto, il computer di bordo si è spento automaticamente.
Questo fa pensare come la sonda sia stata programmata alla perfezione per ridurre i margini di errore, che avrebbero compromesso la ricezione delle immagini e quindi la riuscita della missione stessa.

Breve documentario dedicato al finale di Rosetta.

Grazie Rosetta e grazie Philae!“, queste le parole del direttore generale dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), Johann-Dietrich Woerner, al termine della missione della sonda durata dieci anni e che ha permesso agli scienziati di sfiorare per la prima volta il suolo di una cometa in tempo reale.

Adesso vi lasciamo al simpatico video completamente in italiano, rilasciato dall’agenzia spaziale europea dedicato alla missione della sonda Rosetta:

Video degli ultimi minuti di Rosetta direttamente dal centro di controllo dell’Esa:

Ti piace questo articolo? Condividilo!

Info sull'Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *